Home Cilento Via il parroco, sindaco e fedeli contro il vescovo (VIDEO)

Via il parroco, sindaco e fedeli contro il vescovo (VIDEO)

340
0
Annuncio Pubblicitario

Il vescovo annuncia trasferimento del prete, insorge il sindaco. Accade a
Salento, nel cuore del Cilento. Nel mirino del primo cittadino Gabriele De Marco, la decisone del vescovo della diocesi di Vallo della Lucania, Ciro Miniero di spostare il parroco del paese don Salvatore Monterosso in altra sede. L’annunci è stato dato dallo stesso prete qualche giorno fa al termine di una messa. Una doccia fredda per il sindaco e l’intera comunità religiosa, ancej perché sarebbe il secondo cambio di prete deciso dal vescovo Miniero in poco meno di un anno e mezzo. Da qui la posizione ferma del primo cittadino. “Adesso basta – tuona il sindaco – è meglio che il vescovo Miniero sappia che la comunità religiosa di Salento é stanca e molto, ma molto arrabbiata”. L’amministratore cittadino non ha alcuna intenzione di rimanere fermo dinanzi alla decisione improvvisa di monsignor Miniero.

“Questa volta – aggiunge il sindaco – non subiremo le incaute e immotivate scelte della Curia vescovile”. Il sindaco a sostegno della sua posizione ricostruisce che cosa è accaduto negli ultimi giorni nel piccolo centro cilentano. “Qualche sera fa – dice – con le lacrime agli occhi don Salvatore, subito dopo la messa ci ha detto  che il vescovo Ciro Miniero gli ha comunicato la sua intenzione di mandarlo via da Salento e da Massa di Vallo della Lucania altro centro dove guida la parrocchia”. A don Salvatore il vescovo vorrebbe assegnare  altre parrocchie della Diocesi.  “E cosi dopo neppure altri due anni a Salento – lamenta il sindaco De Marco- si cambia un’altra volta prete dalla sera alla mattina! Ebbene e’ meglio che sua eccellenza sappia che la comunita’ religiosa di Salento non resterà ferma. Stavolta non subirà supinamente le incaute e immotivate scelte della curia vescovile”.  De Marco annuncia una dura opposizione perché  “come sindaco stavolta non me la sento di mediare come fatto l’altra volta quando abbiamo subito la stessa situazione con il precedente prete Don Pasquale”.  Il primo cittadino sostenuto dalla sua comunità lancia un messaggio ben preciso al vescovo “Sua eccellenza deve sapere che Salento ha gia’ dato e non può essere sempre lo stesso paese a risolvere i problemi della Diocesi quali essi siano. Ora basta, siamo stufi.  Per cui e’ meglio per tutti che il vescovo torni sui suoi passi. Non vorrei che si tornasse ai brutti tempi di un passato non lontano quando un altro vescovo dovette fuggire per le intemperanze del popolo salentino che non aveva gradito la scelta di mandare via, all’epoca, il buon Don Sabato, che pure era stato parroco per una quindicina di anni.”