Home Cilento ROCCAGLORIOSA: Mangia un chicco di uva, muore soffocata

ROCCAGLORIOSA: Mangia un chicco di uva, muore soffocata

1
0
Annuncio Pubblicitario

ROCCAGLORIOSA
Mangia un chicco di uva, muore soffocata. Il dramma si è consumato domenica pomeriggio a Roccagloriosa, centro collinare tra il Cilento e il Golfo di Policastro.  Una donna di 49 anni, Italia Caruso è deceduta per soffocamento mentre mangiava dell’uva. La donna, non sposata, era in casa con la mamma, Dopo pranzo ha iniziato a mangiare un grappolo di uva così come era solita fare ogni giorno. Improvvisamente ha iniziato a dare segni di difficoltà. Non riusciva ad ingoiare un chicco di uva. La scena ha attirato subito l’attenzione della madre. Diversi i tentativi della 49enne di liberarsi da sola  la gola ma in pochi attimi  ha iniziato ad avere serie difficoltà respiratoria. La mamma impaurita è sotto choc ha provato ad aiutare la donna. Ma ogni tentativo è stato  inutile. La situazione in pochi minuti é diventata drammatica. A casa della sfortuna donna è arrivato subito un ragazzo che aveva frequentato un corso di primo soccorso. Il giovane ha cercato di aiutare la 49enne per liberarla dal chicco di uva ma la situazione è apparsa subito disperata. Sono stati allertati i soccorsi. In pochi minuti è sopraggiunta un’ambulanza del 118 ma quando i sanitari sono entrati in casa la donna aveva già perso i sensi. Inutile ogni tentativo dei medici di rianimarla. Per la signora Caruso non c’è stato nulla da fare. È deceduta a seguito del soffocamento. Per lei non c’è stato nulla da fare. Una scena drammatica davanti agli occhi impotenti dei familiari e dei conoscenti. La donna viveva sola in casa con la madre. Un dramma familiare condiviso da tutto il paese. La notizia ha sconvolto la piccola comunità locale. La 49enne non era sposata, era conosciuta da tutti a Roccagloriosa. Aveva avuto dei problemi di salute ma nulla a che vedere con quanto accaduto due giorni fa. Una morte atroce ed assurda allo stesso tempo. Nessuno avrebbe mai immaginato un epilogo così tragico di un tranquillo pomeriggio domenicale. Le due donne dopo pranzo si apprestano a trascorrere la domenica insieme così come erano solite fare. Invece il destino è stato più atroce. I familiari e i vicini di casa hanno fatto di tutto per aiutarla ma ogni tentativo è stato vano. La donna appena ingoiato il chicco di uva ha iniziato ad avere difficoltà non riuscendo più a liberarsi. La tragedia si è consumata in pochi minuti. Inutile la corsa disperata dei conoscenti e dei sanitari. La madre per prima ha provato ad aiutare la figlia. La donna si è resa subito conto che la situazione era grave ed ha chiesto aiuto. Un dramma che ha colpito la famiglia Caruso e comunità cilentana. La famiglia della 49enne era titolare della macelleria del paese. La mamma in particolare è conosciuta per il lavoro svolto per anni in macelleria. Una donna sempre disponile con tutti. Una famiglia di lavoratori. La 49enne non si era mai sposata. Era rimasta a casa con la madre che si prendeva cura di lei con l’aiuto di qualche assistente.