Home Cilento Laurino: seconda fase del progetto scientifico su benessere e longevità nel Cilento...

Laurino: seconda fase del progetto scientifico su benessere e longevità nel Cilento Appuntamento sabato 25 novembre

1
0
Annuncio Pubblicitario

Si intensificano le attività rientranti nell’ambito del Progetto ”STUDIO CIAO” che punta a creare solide basi scientifiche connesse al fenomeno del benessere e longevità che caratterizza la popolazione del Cilento,.

Sabato 25 novembre 2017, presso il Convento di Sant’Antonio a Laurino, dalle ore 10:30, prenderà vita un importante evento con la presenza autorevoli professionisti nazionali ed internazionali della materia, i quali si confronteranno sul tema e sui prossimi steps operativi di un protocollo che intende creare le condizioni per uno scambio di esperienze tra la Svezia ed il Cilento, oltre che la nascita di un punto operativo per la ricerca, proprio a Laurino, con il supporto dell’amministrazione comunale del piccolo centro cilentano e da sempre interessata allo studio ed alla valorizzazione delle aree interne del Cilento,

Il convegno, è promosso ed organizzato dal Comune di Laurino, dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, dall’Università Svedese LUND di Malmoe, dall’Università di San Diego California, dall’Università La Sapienza di Roma e dal GREAT Network Italy.

L’attenzione verso il Cilento degli studiosi parte dall’estate del 2015, quando un gruppo di ricercatori statunitensi (Università di San Diego California), tedeschi (Berlino) ed italiani (Università La Sapienza di Roma e GREAT Network Italy), , entusiasti di queste realtà tipiche del Cilento, si è proposto di mettere insieme le diverse forze scientifiche al fine di iniziare un’indagine esplorativa sul segreto della longevità e dell’invecchiamento in buona salute delle popolazioni del Cilento.

I dati preliminari dello studio sono alla base di un importante ed innovativo messaggio: “La scienza moderna si appresta a misurare i fattori bioambientali del Cilento che potrebbero essere alla base della longevità e dell’invecchiamento in buona salute dei suoi abitanti.”

Un primo convegno , per presentare i dati raccolti ,si è tenuto già il 4 sttembre del 2016 a Pollica ed altri a seguire:il 1°aprile a Vallo della Lucania, mentre lo scorso 15 luglio, sempre nel centro cilentano, presso il Centro della Biodiversità, è iniziato un nuovo percorso per confrontare le abitudini alimentari e di vita dei cittadini del Cilento rispetto i cittadini Svedesi provenienti dalla contea della Scania, dove le aspettative di vita media sono più basse rispetto alla popolazione cilentana.In questa seconda fase dello Studio oltre ai numerosi soggetti Centenari el Cilento saranno studiati anche soggetti di età tra i 50 ed i 65 anni per verificare se le aspettative di benessere e Longevità del Cilento sono ancora intatte .A tale proposito sarà studiato il Microbioma un nuovo metodo di analisi degli effetti della Dieta sul nostro organismo.
E’ prevista anche alla fine della fase comparativa dello studio uno scambio tra le popolazioni di Malmoe (Svezia) e Cilento per verificare gli efetti benefici della dieta Mediterranea su popolazioni a regime dietetico d
Gli interessati a partecipare allo studio residenti nel Cilento potranno contattare il proprio Medico di Famiglia .

Durante la prima parte del convegno, che anticipa la presentazione del protocollo di studio a cura di diversi professionisti del settore, interverranno Salvatore Di Somma,Professore di Medicina Interna della Università La Sapienza di Roma nonché presidente del Network Internazionale di Ricerca GREAT ,Ideatore e Responsabile Scientifico dello Studio CIAO , Romano Gregorio, Sindaco di Laurino e Direttore Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Salvatore Iannuzzi, Presidente Comunità del Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Carmine Pacente, Presidente Commissione Post-Expo Affari Internazionali, Michele Albanese, Direttore Generale Banca Monte Pruno, Adriano De Vita, Direttore Sanitario, Ospedale San Luca di Vallo della Lucania, Giuseppe Scarano, Direttore Medico Unità Operativa Dipartimento di Prevenzione.