20 C
Vallo della Lucania
venerdì 24 Maggio 2019
Cilento News

Ascea, annullato il concorso dei vigili urbani. D’Angiolillo: “Vado avanti”

Annullato il concorso dei vigili urbani ad Ascea. Così ha deciso il Tar di Salerno accogliendo il ricorso presentato da alcuni concorsisti. La sentenza definitiva è arrivata mercoledì sera. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Pietro D’Angiolillo è pronta a ricorrere al Consiglio di Stato. Ancora non è detta la parola fine sulla singola vicenda per l’assunzione di nuovi agenti di polizia locale nel centro cilentano. È da quasi un anno che il concorso va avanti a colpi di ricorsi ed appelli fino alla sentenza emessa due giorni fa. Il tribunale amministrativo nel giudizio di merito hanno confermato quanto già deciso nel giudizio di rito annullando gli effetti delle prove dopo il ricorso di due concorsisti che avevano paventato la violazione “del fondamentale principio dell’anonimato”. Nel bando era previsto, infatti, che l’elaborato di ogni aspirante neo vigile venisse controfirmato dal concorsista e da una membro della commissione esaminatrice. Il concorso era diretto all’assunzione di due agenti di polizia locale a tempo indeterminato e part-time al 50% e alla formazione di una graduatoria di 30 idonei, dalla quale attingere per le assunzioni stagionali a tempo determinato.
È intenzionato ad andare avanti il sindaco Pietro D’Angiolillo che ha sempre difeso a denti stretti la validità del bando e del concorso. “Pur rispettosi di ogni decisione definitiva dei giudici, andremo fino in fondo – dice D’Angiolillo – proporremo ricorso in Consiglio di Stato per fare assoluta e definitiva chiarezza sulla vicenda. Il principio dell’anonimato delle prove scritte non ha senso, come ha precisato in talune sentenze il Consiglio di Stato, se privo di utilità pratica. Nelle prove a quiz vi è totale assenza di discrezionalità e, comunque, nel caso di specie, il concorrente sarebbe divenuto necessariamente palese pochi minuti dopo la consegna, in sede di correzione pubblica degli elaborati alla presenza dei candidati stessi”. Nel frattempo la sentenza del Tar dovrebbe placare le polemiche che hanno accompagnato sin dall’inizio le selezioni del concorso. Il 2 maggio dello scorso anno, giorno dei primi test la prova fu annullata con l’intervento dei carabinieri per tafferugli tra i concorsisti e la commissione giudicatrice. Il 24 settembre la prima discussione dinanzi ai giudici del Tar che ne decretano la sospensione degli “effetti dei provvedimenti impugnati” in via cautelare e in attesa della sentenza definitiva in virtù di “elementi di fondatezza” in relazione alla violazione del principio dell’anonimato. Successivamente arriva amche la sentenza del Consiglio di Stato a cui aveva presentato appello il comune e che aveva consentito ai vigili neo assunti di lavorare fini al 27 ottobre data della discussione dell’appello sulla sospensiva. Ad ottobre anche il Consiglio di Stato conferma la sospensiva del giudizio di rito del Tar.

 

Related posts

Agropoli, Fornace di Campamento: pronto l’intervento di recupero e restauro

SET TV

Rincón “benedice” la tournée italiana del Real Academia

SET TV

Vertenza Corisa 4, mercoledì tavolo di confronto a Gioi

SET TV
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: